Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






Jacopo Fo - La convenienza dell’ecologia

jacopo fo

Jacopo Fo è uno scrittore, registra, sceneggiatore, promotore della cultura ecologica.

Insegna nella libera Università di Alcatraz della quale è fondatore.


Secondo lei c’è rapporto tra l’ecologia ambientale e l’ecologia della mente?
Sicuramente si, sono entrambi dei modelli di sviluppo per molti aspetti intimamente connessi.

Anche perché la scoperta dell’ecologia non è solo l’idea di non nuocere all’ambiente ma anche di assecondare parametri esistenziali. Il cibo biologico non soltanto è più sano ma è anche più ricco di sapori ed aromi che la fragola “chimica” non ha, per cui c’è un problema di godimento della vita.


Essere ecologici è una questione di intelligenza emotiva, di sensibilità, di convenienza o cos’altro?
Secondo me sono tutte e tre le cose messe assieme, alle quali aggiungerei il buon senso come aspetto fondante.


Il ruolo dei media non sempre aiuta ad avere una visione chiara dei problemi di natura ambientale, alla persona che si domanda: “cosa posso fare io per migliorare questo mondo”, lei cosa consiglierebbe?
Cercare di vivere meglio aiuta necessariamente a migliorare il mondo, c’è una concezione del vivere che è legata al “consumo della vita” che non è positiva ne per la persona ne tantomeno per l’ambiente. Immaginare, ad esempio, di avere degli spazi di condivisione di alcuni servizi  tipo la lavanderia collettiva, apre la possibilità di incontrare, essere invitati ad una festa, scambiare opinioni. Altro esempio sono i gruppi d’acquisto in cui non c’è solo il vantaggio fisiologico legato al prodotto ma anche la possibilità di scambiare conoscenze ed idee con i produttori.

È un rischio o un’opportunità che il sistema economico/finanziario individui nell’ecologia un settore di business?
È fondamentale, in quanto la grande novità storica è che l’ecologia conviene e le aziende che nei prossimi anni non capiranno questo aspetto saranno spazzate via dal mercato, perché produrranno dei prodotti ad un prezzo troppo alto. Il fatto poi che ci siano anche delle speculazioni finanziarie in materia di ecologia è normale all’interno di una società capitalistica, l’importante è che si facciano delle cose. L’aspetto positivo è la convenienza economica ad assumere dei comportamenti ecologici, l’importante è riuscire a sfruttare queste leve al fine di preservare l’ambiente piuttosto che sfruttarlo. Ad esempio creare cooperative di consumo permette sia alle persone sia agli speculatori di guadagnare in tal senso. Finchè è così, direi che va bene!

Se avesse la bacchetta magica ed un solo desiderio “verde”, quale esprimerebbe?
Una tecnologia avanzatissima come un super pannello fotovoltaico che in un metro quadrato ti permette di sviluppare 1KW ad un prezzo onesto. In questo modo ci sarebbe davvero una rivoluzione mondiale, con vantaggi per tutti, in particolar modo  permetterebbe di portare servizi nei villaggi più sperduti.

 

 

A cura di Francesco Miano
Novembre 2010

Segui La Foglia


ECO QUIZ