Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






Il fumo fa male, anche all'ambiente

fumo inquinanteNon bastassero le più comuni e note conseguenze sulla salute umana, un ulteriore motivo per smettere di fumare è costituito dai danni della produzione di sigarette sull’ambiente. Un recente studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha chiarito quali sono le ripercussioni delle coltivazioni di tabacco sull’ecosistema terrestre. Uno dei dati più rilevanti ci dice che quasi il 20% dei rifiuti raccolti negli Stati Uniti è costituito da mozziconi di sigaretta, un dato sconcertante sia dal punto di vista della salute umana sia di quella ambientale.

Se i terreni e le risorse utilizzate per la produzione di tabacco fossero destinati a colture alimentari, inoltre, si potrebbero nutrire 20 milioni di persone in più. Ogni anno, per questo tipo di coltivazione, vengono persi più di 2 milioni di ettari di foresta per fare spazio al tabacco, il che contribuisce per il 5% alle emissioni totali di gas a effetto serra.

I produttori di tabacco declinano ogni responsabilità e si dichiarano virtuosi, tanto da pubblicare dichiarazioni come fossero produttori di caramelle e non di provati cancerogeni. L’85% delle coltivazioni, inoltre, è concentrato nei paesi in via di sviluppo, nei quali il clima semiarido e il disboscamento contribuiscono all’espansione della desertificazione, considerando che le piantagioni di tabacco assorbono fino a sei volte più potassio delle altre colture, inaridendo irreversibilmente il terreno.
Se siete fumatori mettetevi il cuore in pace: sigarette etiche o ecologiche non esistono, sarebbe meglio smettere di fumare.




Settembre 2011
Manuel Venuti

Segui La Foglia


ECO QUIZ