Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






Agroecologia: ritornare al passato per vincere nel futuro

L’agricoltura ecologica e sostenibile è  il modello-chiave che consentirà, nel futuro, di risolvere il problema della fame del mondo. È quanto sostiene un recente studio condotto dall’ONU e presentato durante lo scorso Consiglio per i Diritti Umani tenutosi a Ginevra.
Secondo il report infatti - scritto da Olivier De Schutter, relatore Onu sui diritti all’alimentazione – gli agricoltori che vivono nei Paesi in via di sviluppo, adottando un tipo di agricoltura più ecologica, potrebbero raddoppiare la produzione di cibo in dieci anni. I numerosi studi effettuati evidenziano come, grazie a questo tipo di coltura, sia stato possibile ottenere un aumento medio del raccolto dell’80% in 57 Paesi in via di sviluppo, con un incremento medio del 116% per tutti i progetti realizzati in Africa. Siamo arrivati dunque ad una sorta di punto zero nel mondo agricolo: da un lato cioè, c’è il classico modello industriale legato al costo del petrolio, e dall’altro l’agroecologia, un sistema che invece prende in considerazione non solo l’aspetto produttivo, ma anche la dimensione ecologica, socioeconomica e culturale dell’agroecosistema.
Sempre nel documento viene evidenziato come a beneficiare di questo tipo di azione saranno soprattutto i paesi dell’Africa sub-sahariana, che non hanno ancora un’agricoltura meccanizzata. Più difficile sarà invece l’adozione di queste pratiche nei paesi industrializzati, più legati chiaramente ad un tipo di coltura intensiva.
Per consentire il pieno successo di queste iniziative, conclude il rapporto, sono necessari investimenti adeguati in programmi di ricerca partecipata, fondi pubblici, programmi di formazione e cooperazione. Solo attraverso la sinergia tra gli attori coinvolti quindi sarà possibile garantire uno sviluppo e una crescita a queste popolazioni. Questo dovrebbe essere l’esempio anche per il futuro della nostra “vecchia” Europa.
Per approfondimenti:
www.agricolturaorganica.it

 

 

Giorgia Trabona

aprile 2011

Segui La Foglia


ECO QUIZ