Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






IL TEVERE DA BIONDO A ... NERO!

biondo tevereLa situazione dei fiumi nel mondo? Non propriamente ideale, secondo il dossier “Danni sommersi” pubblicato lo scorso maggio da Greenpeace. A parte i fiumi del nord del mondo infatti, a preoccupare è lo status di quelli del sud, che se non si interviene potrebbero fare la fine dei “fratelli” del Nord, industrializzato e super-affollato, inquinati da decenni di sfruttamento e sversamento di rifiuti industriali.


Qual è il danno ambientale, sociale ed economico di tutto questo? Enorme. Per questo è forte il monito avanzato da Greenpeace a tutti i governi, affinché impongano il divieto di scarico nelle acque dolci e potabili di tutte le sostanze chimiche pericolose per l’uomo e l’ambiente.
Questo su larga scala. Ma nel piccolo dell’Italia, e di Roma in particolare, qual è la situazione del Tevere, un tempo considerato il fiume biondo così limpido e chiaro da permettere, fino agli anni ’50, la balneazione dei romani?


Si trova in una condizione ai limiti della legalità. A luglio Goletta Verde (la nave di Legambiente che monitora la salute delle nostre coste) ha presentato i risultati del suo passaggio sulle coste laziali: in regione ci sono 14 punti critici, 9 dei quali fortemente inquinati. Il grado di inquinamento maggiore si registra proprio presso le foci dei vari canali, e la peggiore è proprio quella del Tevere, la più inquinata del Lazio, con una presenza del batterio dell’Escherichia Coli 40 volte superiore ai limiti di legge.


Nei pressi del canale di Fiumicino proprio nelle scorse settimane, si è assistito ad una situazione drammatica: liquami e pesci morti, venuti a galla nel tentativo di trovare quell’ossigeno che ormai nelle acque del Tevere non esiste più.
Dure sono le parole del Presidente di Legambiente Lazio Lorenzo Parlati: “….non si possono sopportare per decenni foci così maltrattate, il biondo Tevere dentro Roma diventa una cloaca, un malato in attesa di cure che non arrivano, con depuratori malfunzionanti come quello a nord della Capitale”.
Un Tevere che diventa sempre più nero quindi: a che punto sono gli interventi di riqualificazione? Attendiamo risposte che speriamo arrivino presto.







Segui La Foglia


ECO QUIZ