Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






IMU sui terreni agricoli, qualche dato utile


Tra le novità introdotte dall’attuale governo, l’IMU e il relativo calcolo sicuramente è una di quelle che desta più preoccupazioni, probabilmente per la difficoltà anche nella sua definizione.


Non solo per la prima e la seconda casa, ma anche i terreni agricoli saranno soggetti a questo tipo di imposta.


Da un punto di vista tecnico ci sono diversi siti online che possono aiutare il cittadino nella determinazione dell’importo.


Da un punto di vista generico comunque, l’IMU è applicata sui terreni agricoli con un’aliquota di imposta dello 0,76%. La base imponibile è calcolata sul reddito dominicale originario del terreno risultante in catasto, vigente al 1° gennaio dell’anno di  imposizione, rivalutato del 25% ed infine moltiplicato per il parametro 120.


E’ prevista un’aliquota ridotta - pari allo 0,2% -, per gli immobili rurali posseduti dagli imprenditori agricoli ad uso strumentale. I comuni possono ridurre l’aliquota fino allo 0,1 per cento. In fase di conversione in legge infine, il Parlamento ha modificato il parametro del moltiplicatore da 120 a 130. Ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola è riconosciuto un moltiplicatore pari a 110.


Giorgia Trabona

MAGGIO 2012





Segui La Foglia


ECO QUIZ