Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






L’Europa regolamenta le erbe officinali

Il primo aprile di quest’anno entrerà in vigore la legge normativa 2004/24 relativa ai medicinali naturali per uso umano che, con il successivo emendamento 2004/27, andrà a regolamentare la commercializzazione di medicinali a base di principi attivi naturali.
Ciò che la legge prevede è una certificazione dei medicinali naturali per uso umano attraverso una costosa procedura di registrazione possibile solo a seguito di una sperimentazione scientifica dell’efficacia del medicinale messo in commercio.


Questo non significa che usciranno dal commercio i tradizionali ritrovati fitoterapici, essi dovranno essere registrati con la dicitura di “integratori alimentari” in quanto prodotti per sostenere e migliorare il complesso fisiologico e non veri e propri medicinali atti a curare malattie specifiche.
La legge di fatto vuole regolamentare l’introduzione in commercio, da parte delle case farmaceutiche, di medicinali costituiti dai principi attivi estratti dalle piante officinali. Si tratta di un modo per aprire nuove frontiere al mercato farmaceutico e portare i principi attivi naturali verso la medicina allopatica.
Un’operazione di marketing volta a guadagnare quote di un mercato in espansione.


Se da una parte si farà un passo avanti verso la conoscenza dei principi attivi naturali con il vantaggio che molte persone si avvicineranno all’uso di medicinali a base naturale, tutelate ed assicurate con garanzie “scientifiche”, dall’altra ci si troverà di fronte a farmaci veri e propri. Quello che è prevedibile infatti è che i principi attivi naturali saranno utilizzati isolati e ad una concentrazione molto elevata, come tipicamente avviene nella farmacia tradizionale.

La medicina naturale ed Olistica tende invece ad utilizzare fitocomplessi, cioè tutto l’insieme delle sostanze contenute nelle piante, perché è nella loro sinergia che riescono a curare rispettando la complessità degli aspetti fisiologici del nostro organismo.Il rischio è che si cerchi ancora una pillola magica, di sintesi chimica o naturale che sia, capace di eliminare velocemente i sintomi di una malattia.
E ancora una volta la scelta spetta a noi consumatori, che possiamo scegliere consapevolmente come curarci.

 

A cura di Michela Graziani

08/02/2011

Segui La Foglia


ECO QUIZ