Iscriviti alla Newsletter!


ecocomics
Pagine Verdi






Al via il palco a Pedali dei Têtes de Bois


Giovedi 11 Agosto a San Lorenzo c'è stata la prova generale del Palco a Pedali dei Têtes de Bois, per la prima volta il pubblico con la propria bicicletta, è stato coinvolto a generare l’energia che ha fatto funzionare tutti gli strumenti, l’impianto audio-video-luci, in totale autonomia dalla rete elettrica.

Un progetto ambizioso e fortemente ecologico a cui il gruppo sta lavorando già da tre anni, per cercare di dar via ad un tour a totale impatto zero.

Questo progetto risulta essere il coronamento di un sogno per i Têtes de Bois che hanno fatto della bicicletta una filosofia di vita, infatti proprio alla bicicletta è stato dedicato il loro ultimo album "Goodbike", pubblicato da Ala Bianca/Warner il 27 aprile 2010 e secondo al Premio Tenco. La band è da aprile in tournèe con un concerto-spettacolo che si ispira all' album e che fonde la dimensione del concerto a quella del teatro, alla base il racconto sulla sella di un’ideale bicicletta che rappresenta nel sua concezione filosofico-politica, l'idea della vita consapevole ed il simbolo di una libertà pulita, che richiede impegno, ma che sa offrirti cose che i frettolosi passeggeri dei mezzi a motore neanche immaginano. 

Un palco a pedali è certamente un idea rivoluzionaria, che oltre a a generare energia pulita ed essere quindi a totale impatto zero, scardina il classico ruolo dello spettatore seduto, vedendolo coinvolto attivamente nella riuscita del concerto. Il gruppo romano di Andrea Satta, appassionato ciclista urbano, grazie alla sua laboriosità ed attivismo sta per realizzare questo grande sogno e proprio ieri sera, quasi in segreto, presso l'Ex-cinema Palazzo di San Lorenzo si è tenuta la prova generale che ha visto coinvolti 128 ciclisti, il numero minimo per generare 10 KW di energia, la quantità sufficiente per il concerto.

E' certo che al tour del gruppo il pubblico dovrà esserci per forza e l'energia muscolare che manderà avanti il concerto sarà ripagata con l'ingresso gratuito. Gli spettatori potranno arrivare con le loro biciclette (il marchingegno e adattabile ad ogni modello), realizzando il doppio scopo di rendere non inquinante anche il tragitto da casa al concerto, oppure potranno noleggiare biciclette sul posto. Insomma si parla di concerti "a impatto zero", e molti nella musica si stanno muovendo in questa direzione, ma spesso questo implica alberi impiantati a migliaia di chilometri di distanza per compensare lo spreco energetico: i risultati sono lonani e poco percepibili. Questa volta l'effetto è immediato. La prima data del "palco a pedali", sostenuto dall'assessorato ai trasporti della regione Puglia, sarà in settembre a Bari, ci sarà anche una tappa ufficiale nella Capitale.

 Agosto 2011
Michela Graziani



Segui La Foglia


ECO QUIZ